Panettone Zucca e Zenzero

Pasta lievitata realizzata con purea di zucca e impreziosita con pepite di zucca candita, con un pizzico di zenzero che dona quel retrogusto festoso adatto a questo periodo. La zucca invece ricorda le nostre terre e tradizioni mantovane. Ricoperto da una delicata glassa di mandorle e una pioggia di granella di zucchero.

15,00

Descrizione

Ingredienti Panettone Zucca e Zenzero:

LIEVITO MADRE 27.99%
ZUCCA CANDITA 15.55%
FARINA DI FRUMENTO, TIPO 00 12.44%
ZUCCHERO (Saccarosio) 9.95%
ZUCCA GIALLA 9.33%
UOVO DI GALLINA, TUORLO 8.71%
BURRO 8.09%
OLIO DI OLIVA EXTRAVERGINE 4.67%
ZENZERO CANDITO 3.11%
SALE da cucina 0.16%
VANILLINA 0%
Allergeni : GLUTINE – DERIVATI UOVA – DERIVATI LATTE -FRUTTA IN
GUSCIO .
GLASSATURA CON MANDORLE, ZUCCHERO E ALBUMI

Valori medi per 100gr. di prodotto
EnergiaKcal 1164.78 Kcal.
EnergiaKJ 359.32 KJ
Grassi 14.36 gr.
GrassiSat 5.41 gr.
Carboidrati 51.71 gr.
Zuccheri 26.54 gr.
Fibre 1 gr.
Proteine 6.21 gr.
Sale 149.41 gr.

Tratto da Wikipedia:

La zucca mantovana è un ortaggio simbolo della zona, ingrediente di base per la preparazione dei tortelli di zucca e degli gnocchi di zucca, piatti popolari della cucina mantovana. È caratterizzata dalla polpa dura e dal sapore dolciastro.

La cucina mantovana è l’insieme dei piatti della tradizione culinaria della provincia italiana di Mantova, alcuni dei quali risalenti ai tempi dei Gonzaga.

È una gastronomia forte di piatti apprezzati fuori dal territorio anche nei secoli scorsi. È una cucina vincolata alla terra dalle tradizioni contadine, ma risulta molto ricca e variegata.

Storia e storie del panettone

Le origini del panettone sfumano a tratti nella leggenda. Sono due le storie che godono di maggior credito:

Messer Ulivo degli Atellani, falconiere, abitava nella Contrada delle Grazie a Milano. Innamorato di Algisa, bellissima figlia di un fornaio, si fece assumere dal padre di lei come garzone e, per incrementare le vendite, provò a inventare un dolce: con la migliore farina del mulino impastò uova, burro, miele e uva sultanina. Poi infornò. Fu un successo strabiliante, tutti vollero assaggiare il nuovo pane e qualche tempo dopo i due giovani innamorati si sposarono e vissero felici e contenti.

Il cuoco al servizio di Ludovico il Moro fu incaricato di preparare un sontuoso pranzo di Natale a cui erano stati invitati molti nobili del circondario, ma il dolce, dimenticato nel forno, quasi si carbonizzò. Vista la disperazione del cuoco, Toni, un piccolo sguattero, propose una soluzione: «Con quanto è rimasto in dispensa – un po’ di farina, burro, uova, della scorza di cedro e qualche uvetta – stamane ho cucinato questo dolce. Se non avete altro, potete portarlo in tavola». Il cuoco acconsentì e, tremante, si mise dietro una tenda a spiare la reazione degli ospiti. Tutti furono entusiasti e al duca, che voleva conoscere il nome di quella prelibatezza, il cuoco rivelò il segreto: «L’è ‘l pan del Toni». Da allora è il “pane di Toni”, ossia il “panettone”.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.750 kg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Panettone Zucca e Zenzero”